La difficoltà ad eccitarsi: sintomi, cause e soluzioni

La difficoltà ad eccitarsi: sintomi, cause e soluzioni

 Il disturbo dell’eccitazione, originariamente chiamato sindrome di eccitazione sessuale persistente ( PSAS ) o malattia di Weiss  si traduce in una spontanea, persistente e incontrollabile eccitazione genitale , con o senza orgasmo o congestione genitale, non connesso con le sensazioni di desiderio sessuale .

Alcuni studiosi usano il termine sindrome da eccitazione sessuale persistente per riferirsi alla condizione delle donne; altri considerano la sindrome di priapismo negli uomini come lo stesso disturbo.

Il priapismo è una condizione medica diagnosticabile e non è legato all’ipersessualità.

Segni e sintomi della difficoltà ad eccitarsi

L’eccitazione fisica provocata da questa sindrome può essere molto acuta e persistere.

L’orgasmo a volte può dare un sollievo temporaneo, ma in poche ore i sintomi tornano; il ritorno dei sintomi, con l’eccezione dei noti trigger, è improvviso e imprevedibile.

Il rifiuto di alleviare i sintomi spesso si traduce in afflussi improvvisi di orgasmi spontanei nelle donne e negli uomini di eiaculazione.

I sintomi possono essere estenuanti; alcune situazioni, come guidare o prendere il treno , le vibrazioni provenienti da telefoni cellulari  e persino andare al bagno può aggravare la sindrome che causa il disagio insostenibile per rasentare il dolore.

La condizione può durare per molti anni e può essere così grave che può portare a depressione e persino al suicidio.

Cause della difficoltà ad eccitarsi

Non ci sono studi che aiutano ad individuare la causa dell’eccitazione genitale persistente; alcuni studiosi ritengono  che sia causata da un’irregolarità nei nervi sensoriali , e mettono in evidenza che il disturbo ha la tendenza a colpire le donne in post- menopausa o coloro che hanno subito un trattamento ormonale .

Soluzioni per la difficoltà ad eccitarsi

Alcuni farmaci come il trazodone possono causare priapismo come effetto collaterale; in questo caso, può dare sollievo la sospensione del farmaco.

Inoltre, la condizione può a volte iniziare solo dopo l’interruzione di SSRI .

In alcuni casi, la sindrome è causata da una malformazione arteriosa-venosa pelvica con rami arteriosi che vanno al pene o al clitoride; in questo caso il trattamento chirurgico è efficiente.

In altre situazioni, in cui la causa è sconosciuta o meno facilmente curabile, i sintomi possono essere ridotti attraverso l’uso di antidepressivi , agenti antiandrogeni e gel anestetizzante.

Recentemente, i sintomi di tale condizione, sono stati collegati alla neuropatia del pudendo .

I farmaci più idonei al trattamento sono il Cialis e il Tadalafil.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2019 Frontier Theme