Eiaculazione precoce: cos’è e come si cura

EIACULAZIONE PRECOCE: COS’E’ E COME SI CURA

 

Come avviene l’eiaculazione?

L’eiaculazione è il risultato dell’orgasmo sessuale e, nella maggior parte dei uomini, si verifica contemporaneamente all’orgasmo, mediamente circa 4-10 minuti dopo l’eccitazione e l’erezione. L’eiaculazione è controllata dal sistema nervoso centrale, secondo recenti dati scientifici, l’eiaculazione è principalmente neurobiologica, più che un fenomeno psicologico.

Il processo di eiaculazione è regolato dal cervello e dal midollo spinale attraverso un gran numero di neurotrasmettitori, come la serotonina, la dopamina, l’ossitocina ed altri.

La serotonina, e in particolare i recettori di 5-HT, sono i principali responsabili dell’attivazione del processo di eiaculazione.

Mentre i centri cerebrali e spinali vengono stimolati, inducono movimenti peristaltici (ripetute contrazioni ritmiche) dei muscoli bulbocavernosi (BC) e ischiocavernosi (IC) del pavimento pelvico, con conseguente espulsione di sperma dall’orifizio uretrale esterno.

Cosa succede nell’eiaculazione precoce?

La risposta sessuale maschile viene espressa come una sequenza di 4 fasi: desiderio sessuale, eccitazione, orgasmo (eiaculazione) e risoluzione.

La disfunzione sessuale si verifica di solito in una o più delle tre prime fasi del ciclo di risposta sessuale, incluse le disfunzioni del desiderio sessuale (es. Desiderio sessuale ipoattivo), eccitazione (ad esempio disfunzione erettile) e orgasmo / eiaculazione (ad es. Eiaculazione precoce, eiaculazione ritardata o incapacità di eiaculare).

L’eiaculazione precoce si verifica a causa del rapido avanzamento delle prime due fasi del ciclo di risposta sessuale e non è assolutamente correlata ad una forte eccitazione sessuale o ai cambiamenti nell’erezione. L’eiaculazione precoce sembra essere un problema neurobiologico legato a bassi livelli di serotonina nelle regioni del sistema nervoso centrale che regolano l’eiaculazione (cervello e midollo spinale).

Quali sono le caratteristiche dell’eiaculazione precoce?

L’eiaculazione precoce è la disfunzione sessuale più comune nei uomini di età inferiore ai 60 anni, ma è altrettanto frequente a tutte le età.

Nei uomini affetti da eiaculazione precoce, l’atto sessuale viene generalmente completato entro 1-2 minuti dalla penetrazione, perché l’eiaculazione si verifica troppo in fretta e senza alcun controllo. Infatti, la fase di eccitazione sessuale è eccessivamente breve e contraddistinta da un normale e veloce raggiungimento dell’erezione e da un’eiaculazione rapida, senza permettere al soggetto di godere dei rapporti sessuali.

Quanti tipi di eiaculazione precoce esistono?

Ci sono 2 tipi di eiaculazione precoce:

  • eiaculazione precoce primaria (chiamata anche “PE cronica o permanente”): il soggetto presenta il problema sin dalla sua prima esperienza sessuale. In questo caso, l’eiaculazione si verifica troppo velocemente,  prima della penetrazione vaginale o entro 1-2 minuti dalla penetrazione;
  • eiaculazione precoce secondaria (chiamato anche PE acquisita): si verifica gradualmente o improvvisamente, anche se fino a quel momento il soggetto ha avuto il pieno controllo sull’eiaculazione o almeno l’eiaculazione sperimentata per un certo tempo è stata considerata sufficiente in termini di tempo per godere dei rapporti sessuali.

L’eiaculazione precoce secondaria è causata da fattori psicologici e fisici; le cause fisiche primarie acquisite sono le seguenti:

  • malattie prostatiche, e più precisamente prostatite cronica
  • disfunzione erettile (ED)
  • ipertiroidismo
  • uso di sostanze psicotrope.

Le principali cause psicologiche acquisite sono le seguenti:

  • stress
  • ansia da prestazione sessuale
  • bassa autostima
  • difficoltà nel rapporto di coppia
  • esperienze sessuali negative

Eiaculazione precoce e tiroide

I disturbi della tiroide e soprattutto l’ipertiroidismo è tra i disturbi strettamente organici oggi noti che manifestano l’eiaculazione precoce come sintomo.

In questi casi, il problema viene immediatamente ripristinato nel momento in cui si ripristina  la corretta funzione tiroidea.

Le condizioni mediche che possono occasionalmente causare l’eiaculazione precoce sono le infiammazioni prostatiche (prostatite cronica) e la disfunzione erettile.

Questi devono essere subito trattati e, solo se il problema persiste, viene eseguito il trattamento.

Si può aiutare un soggetto affetto da eiaculazione precoce?

Anche se l’eiaculazione precoce è un problema molto comune, è difficile da diagnosticare e curare; questo rimane un disturbo difficile da diagnosticare soprattutto perché la maggior parte dei uomini non è disposta a parlare del problema con degli specialisti che li possano aiutare, sia perché si sentono in imbarazzo, sia perché credono che il loro problema non possa essere trattato.

Gli studi hanno dimostrato che solo il 9% dei uomini che ha individuato i sintomi da sè, si sono rivolti ad uno specialista; il 70% dei casi è stato diagnosticato per caso quando è stato consultato lo specialista per un altro problema medico; il 2,2% dei uomini ha riferito di non aver mai neanche pensato a parlarne.

Quali sono le conseguenze dell’eiaculazione precoce?

Secondo studi scientifici, i uomini con esperienza di eiaculazione precoce:

  • hanno un controllo “minimo” o “inadeguato” sull’eiaculazione (95%)
  • provano una estrema ansia personale (90%)
  • hanno una soddisfazione sessuale “minima” o “insufficiente” (57%)
  • provano delusione e disagio nei confronti del partner (63%)

Il problema può notevolmente influenzare l’autostima del soggetto, provocando ansia, imbarazzo, delusione e talvolta anche depressione.

Importante è anche l’impatto sulla partner:

  • il 60% delle donne non giungono alla soddisfazione dal rapporto sessuale;
  • il 60% degli uomini ha dichiarato che la loro relazione sarebbe più sana se potessero soddisfare sessualmente la propria partner e che avrebbero cercato la cura specialistica se il partner lo avesse richiesto;
  • il 75% degli uomini che ha cercato di risolvere il problema, ha riferito di averlo fatto per migliorare la soddisfazione sessuale del partner e della coppia.

Qual’è l’approccio diagnostico nell’eiaculazione precoce?

Lo specialista ha familiarità con la discussione di questioni apertamente sessuali e vi farà sentire a proprio agio.

Una battuta classica per  “rompere il ghiaccio” è: “Dottore, ho un problema sessuale e vorrei discuterne con lei”.

Lo specialista risponderà incoraggiandovi e prendendo in esame la storia sessuale; per una corretta diagnosi verranno poste le seguenti domande:

  • Quando si è presentato il problema per la prima volta?
  • Come é iniziato?
  • Si è verificato sempre o occasionalmente?
  • Quanto tempo impiega per eiaculare?
  • Quanto il problema ha influenzato la sua vita sessuale?
  • Come si sente e reagisce il suo partner?

Sarà presa in esame la storia medica completa per registrare qualsiasi disturbo o qualsiasi farmaco assunto; si eseguono degli esame clinici, incluso l’esame rettale digitale (ispezione) come parte dello screening della prostata, infine, lo specialista potrebbe raccomandare un test di screening di laboratorio che include tutti i test ormonali della tiroide, per l’infezione prostatica e la cultura del seme.

Attraverso l’intero processo, lo specialista può chiedere di compilare un questionario speciale sull’eiaculazione precoce che consentirà una valutazione più oggettiva del problema e un’ulteriore valutazione della terapia.

Quali opzioni terapeutiche sono disponibili?

Per decenni, l’eiaculazione precoce è stata considerata un problema puramente psicologico ed è stata trattata seguendo principalmente approcci comportamentali.

In seguito, sono state commercializzate alcune farmacoterapie e recentemente la loro prescrizione è stata ufficialmente approvata.

Da ricordare che i farmaci possono essere efficaci soltanto se il problema si verifica a causa di esclusive cause organiche / neurobiologiche e non psicologiche. Quindi, se l’origine dell’eiaculazione precoce è un disturbo organico o malattia (es. Ipertiroidismo, prostatite cronica non diagnosticata), allora il trattamento della malattia primaria ripristinerà il problema.

In caso di eiaculazione precoce primaria, oggi gli specialisti sono in grado di offrire varie opzioni di cura, come la farmacoterapia e i trattamenti psicosessuali specializzati (psicoterapia).

Le tecniche di auto-aiuto per l’eiaculazione precoce sono efficaci?

Le tecniche di auto-aiuto, come l’uso del preservativo più spesso o del preservativo ritardante (contenenti sostanze anestetiche che creano una sensazione di intorpidimento) possono essere parzialmente efficaci e per un breve periodo di tempo.

La masturbazione prima dell’atto sessuale è un’altra tecnica adottata da molti giovani, perché con la masturbazione, il pene viene desensibilizzato, la carica di eccitazione parzialmente scaricata e, se viene raggiunta una seconda erezione, occorrerà più tempo per raggiungere l’eiaculazione.

Un’altra tecnica seguita è non avere pensieri sessuali durante i rapporti (spostamento dell’attenzione), in modo da non essere particolarmente eccitati e, di conseguenza, inibire l’eiaculazione. Ovviamente ci rendiamo conto come questa ultima tecnica sia molto ingenua ed il più probabile effetto è quello di non godere dell’incontro sessuale o addirittura perdere l’erezione rendendo impossibile l’atto sessuale stesso.

Queste tecniche di auto-aiuto in genere non risolvono il problema e potrebbero causare altre disfunzioni sessuali.

Infine, va sottolineato che le preparazioni acquistate online via internet sono praticamente di origine e composizione sconosciute e, di conseguenza, di sicurezza incerta. 

Farmaci per l’eiaculazione precoce

Ci sono vari preparati orali che richiedono la prescrizione medica e che sono stati utilizzati con successo.

Anestetici locali

Gli anestetici topici sotto forma di creme e spray (ad es. Lidocaina e prilocaine) vengono applicati localmente nella zona del pene (principalmente sul glande) per desinsibilizzare il glande e ritardare l’eiaculazione.

I risultati sono equilibrati per quanto riguarda il ritardo dell’eiaculazione; inoltre, è difficile riuscire ad avere il giusto dosaggio di questi preparati anestetici topici, pertanto, una quantità eccessiva può causare intorpidimento del pene e provocare la perdita dell’erezione e/o l’incapacità di eiaculare. Inoltre, esiste il rischio che l’ingrediente anestetico si introduca nella vagina causando sensazioni ridotte e difficoltà a raggiungere l’orgasmo femminile.

È per questo che l’uomo che utilizza tali preparazioni, dopo aver fatto fare effetto all’enestetico, dovrebbe sempre lavare il pene prima del rapporto sessuale.

Inibitori selettivi di ricaptazione della serotonina (SSRIs)

L’unica farmacoterapia efficace per l’eiaculazione precoce è la somministrazione orale di inibitori selettivi di ricaptazione della serotonina (SSRIs), che agiscono sui centri cerebrali e spinali e ritardano l’eiaculazione.

Il problema con questi farmaci è la loro azione lenta e la mancanza di indicazione specifica per la malattia.

Le terapie psicosessuali per l’eiaculazione precoce

Esistono specifiche terapie ed esercizi sessuali raccomandati, allo scopo di educare i uomini a riconoscere i segni che indicano l’imminente eiaculazione e a migliorarne il controllo.

Le 2 tecniche di comportamento più utilizzate sono: la tecnica di stop-start e la tecnica di “squeeze” (del glande)

Sebbene ci siano varie metodiche di queste tecniche, l’esperienza clinica ha dimostrato che dopo il loro successo iniziale nel 50-60%, non rimangono efficaci a lungo termine e portano alla recidiva.

Invece della sola tecnica “stop-start”, che può anche essere soddisfacente per il partner, gli uomini imparano anche a moderare e ridurre il livello di eccitazione sessuale eseguendo movimenti lenti e sensuali, mentre praticano una respirazione profonda e lenta.

L’obiettivo è mantenere il livello di eccitazione sessuale al di sotto della soglia di eiaculazione, pur mantenendo allo stesso tempo un’adeguata erezione; nell’ambito di questo lavoro, lo specialista può proporre una serie di esercizi speciali di desensibilizzazione da svolgere a casa e che inducono una stimolazione mirata.

Infine, le tecniche di controllo Breath-Control sembrano offrire rilassamento e portare ad ottimi risultati.

Gli obiettivi terapeutici nell’eiaculazione precoce non dovrebbero concentrarsi solo sull’aumento del tempo fino all’eiaculazione, perché un tale orientamento porterà alla ricaduta.

Un approccio mirato al problema ha lo scopo di aiutare l’uomo a guadagnare o a recuperare il controllo della sua eiaculazione; questo è l’unico modo possibile per migliorare l’intimità emotiva e aumentare la soddisfazione sessuale dei partner.

 

Articolo a cura del Dott. Pierpaolo Casto
*** Contatti e Consulenza Specialistica con il Dott. Pierpaolo Casto:
Via Magenta, 64 CASARANO (Lecce)
Tel. 328 9197451 * 0833 501735

VIDEO CORSO SUL TUO WHATSAPP: Come Vincere Ansia da Prestazione e Problemi di Erezione

PORTALI ITALIANI SPECIALIZZATI

Per approfondire sui disturbi di Ansia da Prestazione, Disfunzione Erettile, Problemi di Erezione, Eiaculazione Precoce si suggerisce la lettura sui seguenti Portali Specializzati:

WWW.ANSIADAPRESTAZIONE-ITALIA.IT

WWW.ANSIADAPRESTAZIONE.IT

ANSIADAPRESTAZIONESESSUALE.IT

WWW.SESSUOLOGIA-ITALIA.IT

WWW.PROBLEMIDIEREZIONE-ITALIA.IT

WWW.EREZIONE-ITALIA.IT

Articoli a Cura del Dott. Pierpaolo Casto

E’ possibile richiedere consulenza da tutta Italia con videochiamata WhatsApp o Google Duo

EUROPA - AMERICA - OCEANIA

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 * Gruppo Associato Centro Italiano di Psicoterapia .it © 2021 Frontier Theme
Call Now ButtonCHIAMA IL DR. PIERPAOLO CASTO